Al giorno d’oggi il reclutamento del personale sta diventando sempre più un’esperienza digitale.

I reclutatori e i responsabili delle assunzioni hanno, infatti, ora accesso a tecnologie all’avanguardia che gli permettono di connettersi con i candidati e rafforzare, successivamente, il rapporto di lavoro. Le nuove tecnologie sono quindi diventate degli strumenti indispensabili che permettono ai datori di lavoro di risolvere le sfide che i processi di assunzione propongono.

Però, è importante tenere presente che le tecnologie rappresentano solamente un supporto, seppur validissimo ma non potranno mai prendere il posto di un esaminatore e tanto meno potranno riprodurre le interazioni e le dinamiche che si instaurano tra l’esaminatore e il candidato (colloqui face to face). Infatti, uno dei fattori più importanti durante un processo di assunzione è il mantenimento dell’elemento umano che deve essere mantenuto per ogni persona esaminata.

 

 

Ma ora, vediamo quali sono i cinque casi in cui la tecnologia può facilitare un processo di assunzione:

Colloquio su piattaforma video

Questa tipologia di colloquio sta sempre più prendendo piede in quanto un modo per migliorare l’esperienza di colloquio per il candidato. Si possono utilizzare video games e cartoni animati per delineare la vita all’interno dell’azienda. Insomma, un modo carino e simpatico per far mettere a proprio agio il candidato.

 

La soluzione dei video è molto versatile ed, infatti, viene spesso utilizzata per pubblicare offerte di lavoro: è stato dimostrato che un’offerta di lavoro postata su Facebook contenente un video tende ad avere il 36% di adesioni in più rispetto ad un’altra che invece non propone alcun video.

Attualmente, l’utilizzo di video durante il processo di selezione sta radicalmente trasformando il modo in cui vengono attuati i colloqui. Questa nuova modalità permette

 

di identificare in modo più semplice i candidati più idonei rispetto al colloquio tradizionale e consente di risparmiare tempo e denaro (che non fa mai male!). Inoltre, un colloquio su piattaforma video face to face può aiutare il datore di lavoro a conoscere meglio i candidati e può facilitare lo staff di selezione a restringere la rosa di candidati.

Tecnologie Mobile e Cloud

L’innovazione maggiore nel processo di acquisizione di talenti (TA), oggi, consiste nello sperimentare le più varie soluzioni tecnologiche e servizi presenti nel mercato. Più del 70% dei sistemi di acquisizione di talenti provengono da fornitori terzi, per cui i venditori stanno cercando di capitalizzare le tecnologie più all’avanguardia. Molte di queste ultime si stanno sviluppando in direzione delle capacità cognitive basate sul Cloud e sulle tecnologie mobile collegate con i social network come Linkedin.

Il reclutamento mobile è diventato un tema particolarmente importante con cui i responsabili delle assunzioni si devono sempre più spesso confrontare dato che un gran numero di persone disoccupate accede agli annunci di lavoro tramite i loro dispositivi mobili. I reclutatori, di conseguenza, devono sempre più concentrare le loro strategie di reclutamento su dispositivi mobili ed applicazioni e devono soprattutto assicurarsi che i siti internet aziendali siano di ti

 

po responsive. Perciò, la tecnologia di reclutamento mobile necessita di essere compresa e gestita dai professionisti HR delle aziende. L’89% dei disoccupati, infatti, dichiara che il loro dispositivo mobile è uno strumento molto importante per la ricerca di un impiego mentre il 45% di loro lo utilizza per la ricerca di un lavoro.

Applicant Tracking Systems (ATS)

Sette su dieci compagnie di reclutamento negli Stati Uniti utilizzano le tecnologie ATS. Questo trend è diventato, man mano, un trend globale in quanto questo nuovo sistema mette a disposizione colloqui su piattaforma video integrati; funzionalità, queste, che offrono un approccio più amichevole per lo screening e l’assunzione di nuovi candidati.

Le organizzazioni più proiettate verso il futuro, addirittura, hanno iniziato ad aggiungere altre interessanti funzionalità nei loro sistemi ATS come gaming e simulazioni che permettono, in primis, di entrare in contatto più facilmente con i candidati che sempre più spesso sono Millennials ma soprattutto garantiscono il monitoraggio dei risultati dei compiti assegnati. Ma, nonostante questi metodi innovativi diano risultati strabilianti, solo il 6% dei business leader mondiali utilizzano queste strategie.

Internet Sourcing 

L’internet sourcing sta trasformando il modo in cui viene attuato il reclutamento e si prevede che col passare del tempo andrà oltre le piattaforme di reclutamento online come Linkedin. Questa nuova metodologia, sta infatti diventando la nuova forza trainante del processo di selezione. Internet rappresenta ora il luogo d’incontro tra i candidati e i datori di lavoro. La nuova sfida per un’azienda è trovare e valutare tutti i candidati che corrispondono al profilo ricercato nella grande piscina di talenti rappresentata dal web.

Strumenti collaborative

Oltre ad assumere un determinato profilo è necessario definire chiaramente le specifiche di un ruolo professionale ed è qui che gli strumenti collaborativi giocano un ruolo molto importante. Questi strumenti sono una sorta di tecnologia talento-centrica che permettono sia al datore di lavoro sia al responsabile delle assunzioni di condividere dati inerenti ai candidati ed agli annunci di lavoro. Che dici: un bel risparmio di tempo e soprattutto denaro!